Mi sono scervellato per anni nel cercar di capire quale sia il modo giusto di trasmettere ad un nuovo potenziale Cliente il livello di qualità e di sicurezza di un lavoro ben fatto che acquisterebbe affidandosi ad ARMONIE.


In sequenza fantozziana….. In 11 anni 2 negozi, perché accogliere il Cliente in una SEDE trasmette solidità… il secondo, in 5 anni, l’abbiamo rifatto 3 volte, perché il Cliente chiede sempre di più e sempre di meglio… migliaia di foto REALI scattate nei nostri cantieri e montate PRIMA-DOPO, che i Fratelli in Affari (Noto programma tv sul tema) in confronto sono degli sprovveduti… poi il PRIMA-DOPO mi sembrava riduttivo, quindi via con le crono-foto-storie dei cantieri… e non vogliamo parlare del potente mezzo RETE?!? E allora vai di sito con mega gallery, che il webmaster mi maledice perché lo impallo con le troppe immagini, poi una pagina Facebook perché se non sei social sei OUT e da qui alla questione recensioni il passo è breve!...”dicono di noi” sul sito, ma il Cliente potrebbe pensare “questo se la fa e se la gode”! E allora ecco le recensioni su Facebook e su Google+, che quelle non le puoi falsificare, ma per averle dai Clienti devi a volte comprarli con omaggi che neanche Mastrota coi materassi!!! (e non mi riferisco al comprare una BUONA recensione, dico proprio a comprarne una!)…in fine il grande classico: la testimonianza diretta, quindi predi e porta il potenziale Cliente nei cantieri aperti, che se poi il Cliente è un nonnino in pensione non lo porti più via! Magari lo fai anche incontrare, con la scusa di un caffè, con un Cliente acquisito che possa riportare la sua esperienza…e per quanto altro potrei aggiungere, ancora sembra non essere abbastanza!


PERCHE’ ?!?


Ve lo spiego io il perché! Perche OGNI potenziale Cliente entra in studio con ALMENO UNA brutta esperienza raccolta in occasione di qualche lavoro, piccolo o grande, eseguito in passato in casa sua e, forse anche comprensibilmente, si è già ripromesso di non ricascare in un altro errore di valutazione, perché di brutte esperienze non ne vuole più sapere!


Il problema è che molto spesso, partendo prevenuto, chi valuta ha giustamente bisogno di quante più prove e garanzie possibili. E a volte, per quante ne riusciamo a fornire, non sono mai abbastanza.


Voi che ne pensate? Di cosa vorreste poter disporre per valutare una ditta che dovrà rifarvi parte di casa? O di un sarto che dovrà farvi un vestito… o di un falegname a cui affidare la costruzione della cuccia per Fido?